Letteratura

Quando l’editoria esplode: da D’Annunzio a Wattpad

Nella storia dell’editoria, numerosi sono i casi in cui gli autori hanno tentato di raggiungere fama e ricchezza con la pubblicazione di scritti che meglio si prestassero a soddisfare il loro pubblico: Gabriele D’Annunzio ne è l’esempio lampante. Uomo spregiudicato e sempre al passo coi tempi, egli adattava le proprie opere ai gusti ed alle tendenze dell’epoca, realizzando narrazioni dalla trama mediocre come “Il piacere” (1889) che nonostante tutto ottennero un notevole apprezzamento.
Il fenomeno prese maggiormente piede con la nascita delle prime riviste di settore, che mensilmente davano alla stampa un solo capitolo di diversi romanzi. Con questo stesso metodo, durante l’età vittoriana ottenne la popolarità Charles Dickens, il quale, tenendosi in contatto con i propri lettori, valutava quanto scrivere anche in base alle loro preferenze ed opinioni.
Una serializzazione del genere ha fornito gli spunti necessari per la creazione di siti internet interamente dedicati alla raccolta di fanfiction: per i profani, esse sono storie prodotte, come da nome, dai fan di un’opera letteraria, cinematografica e persino videoludica che rielaborano nei modi più svariati la trama originale e, talvolta, il carattere dei personaggi stessi. Nel 1998 nacque Fanfiction.net, prima e più conosciuta piattaforma di tale stampo, seguita a ruota nel 2001 dalla versione italiana, ovvero “EFP”. Questi più recenti mezzi creativi hanno permesso un capillare sviluppo della scrittura gratuita e sulla rete e finalizzata all’interesse personale, oltre che all’apprezzamento dei propri lettori tramite recensioni degli stessi.

logoprim
È inoltre possibile riscontrare con facilità una tendenza di fondo che porta gli scaffali di qualsiasi libreria a riempirsi periodicamente di libri, i quali presentano la medesima tematica, con la stessa formula con cui una novità si afferma in qualsiasi caso: si tratta di un ciclico susseguirsi di mode effimere, destinate ad appassire dopo qualche anno per dare spazio alla nuova trovata che appassiona le masse. Nell’ultimo decennio possiamo infatti delineare sostanzialmente ben quattro periodi (tenendo conto della data di pubblicazione del titolo in questione) con cui analizzare il mercato: a partire dal 2005 con Twilight i romanzi sui vampiri hanno spopolato, mentre dal 2008 al 2011 ha regnato sovrana la saga di Hunger Games, seguita a ruota da Divergent e dagli altri numerosi urban fantasy, per poi lasciare spazio al tanto criticato quanto letto “Cinquanta sfumature di grigio”. Quest’ultimo, per chi non ne fosse al corrente, nacque inizialmente dalla mente di E. L. James come nientepopodimeno che una fanfiction basata sul best seller di Stephenie Meyer: chi ha letto entrambe le saghe avrà riconosciuto senza particolare difficoltà le analogie che le due opere presentano, nonché la qualità decisamente più scadente della recente vicenda erotica. Ed è proprio questo il dato che ci permette di giungere dunque all’ultima ed attuale inclinazione letteraria: ciò che purtroppo è allarmante in questo contesto è la progressiva valorizzazione di un modello banale, privo di personalità e carattere che basa la sua intera struttura su sviluppi scontati e frivoli. Certo, le fanfiction sono un ottimo esercizio di scrittura creativa, ma restano altrettanto valide e degne di lode se esposte al pericoloso formato cartaceo?
Wattpad nacque nel 2006, a cinque anni di distanza da EFP, dall’idea di Allen Lau ed Ivan Yuen di creare un’app funzionale alla lettura di ebook sul proprio telefono. Il sito web, che vanta una grafica migliore delle altre due famose piattaforme, si è rapidamente affermato negli ultimi anni producendo a partire dal 2014 quelli che sono le ultime opere in voga sulla piazza: infatti proprio due anni fa Anna Todd ha esordito come scrittrice con “After”, il romanzo scritto in prima battuta sulla rete, la cui trama aveva inizialmente come protagonista un personaggio già esistente e ben noto, ovvero Harry Styles (il cui nome è stato poi cambiato), uno dei componenti dei One Direction. La giovane americana vanta ora copie e copie della sua opere nelle librerie di tutto il mondo, presentando tuttavia una storia insignificante, con la classica storia d’amore tra i banchi di scuola ed un ragazzo bello, dannato e ribelle ad incentivare la lettura.

After-libro-anna-todd-1024x517.jpg

Sulla stessa linea sono le altre creazioni nate anch’esse da Wattpad, prodotti tutti italiani quali “Over. Un’overdose di te” e “My dilemma is you” di ardimentose minorenni: il filo conduttore che lega Sabrynex e Cristina Chiperi ad autori affermati come D’Annunzio è infatti la tematica sessuale piuttosto esplicita che permea la narrazione. Il giornale ilfattoquotidiano.it esprime perfettamente la mia prima impressione a riguardo: «Harmony piccantelli da scuola superiore del nuovo millennio all’epoca dei social.»
Dopo una prima occhiata al sito in questione è facile rendersi conto come, molto probabilmente, i racconti che hanno fatto impazzire milioni di ragazzine rappresentano il meglio del peggio che Wattpad è in grado di offrirci; oppure, ancora più paradossalmente, le fanfiction originali e ben scritte destano poco l’attenzione, soprattutto se non presentano un qualsiasi idolo delle giovani lettrici. Non posso certo biasimare case editrici come la Rizzoli che scelgono di pubblicare quelle che non sono nient’altro che fanfiction, d’altronde se esse presentano un pubblico più che vasto tanto vale dare alla stampa persino i sette libri di cui è composta la saga creata da Anna Todd; triste è pero la consapevolezza che, a causa di queste improvvisate scrittrici neanche tanto dotate, vengano lasciati nell’ombra autori forse più meritevoli, abbagliati dalle copertine psichedeliche di questi nuovi libri, tanto colorati quanto spenti nelle loro pagine.
Tre anni, ecco l’arco di tempo in cui l’editoria si evolve – o regredisce, ma questo dipende dai punti di vista – e spezza il suo status quo, pronta ad accogliere nuovi titoli e copertine sempre più accattivanti. Tenendo dunque come riferimento la data di pubblicazione del primo capitolo della saga di After, la domanda sorge spontanea: quale sarà la prossima tendenza a partire all’incirca dal 2017? Resta anche da domandarsi se, effettivamente, Wattpad manterrà il proprio trono per soli tre anni oppure si consoliderà come sovrano per un periodo più lungo. Qualunque sia la risposta, mi auguro vivamente che l’attuale orientamento dei fenomeni letterari di massa subisca una rapida ed efficace inversione di marcia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...