Recensione a “Over – Un’overdose di te” di Sabrynex // TRASH LETTERARIO

Titolo: Over – un’overdose di te
Autrice: Sabrynex
Casa editrice: Rizzoli
Data d’uscita: 8 gennaio 2016
Pagine: 432
Prezzo libro:
16.00 €
Prezzo ebook: 8.99 €

arton143546

Trama: “Sono Cher, ho diciott’anni e credo che abbiamo tutti bisogno di qualcosa da cui dipendere, per cui impazzire. Fino a qualche mese fa non lo sapevo, perché non avevo ancora incontrato Hunter.
Noi siamo l’opposto: il bianco e il nero, il bene e il male, non possiamo esistere l’una senza l’altro. Lui porta i miei stessi segni sulla pelle, lo stesso passato, ci sorreggiamo a vicenda. Ma Hunter fa del male a chiunque gli si avvicini, e l’ha fatto anche a me. È colpa mia, lo so: ho perso la testa per un ragazzo che ha perso se stesso.
Domani sarà un’altra gara clandestina, un’altra lotta, un altro casino… e io lo seguirò, come ogni volta, spingendomi al limite e poi oltre, perché sto bene solo dove c’è lui. Anche se questo richiede altri graffi, altro sangue, lo farò per sentire ancora il suo respiro sulla mia bocca, le sue mani su di me. Ho scalato questa montagna insieme all’amore della mia vita e voglio tornare indietro con la stessa persona, a costo di ferire tutti quelli che ho intorno: il mio migliore amico, i miei genitori, me stessa… Io voglio lui, ed è per lui che lotterò ancora.”

Un’attrazione travolgente, un amore folle, passioni, errori, rabbia, dolcezza. Insieme a Cher e Hunter, i protagonisti di Over, Sabrynex è cresciuta. E dal suo sogno è nato un romanzo indimenticabile, che ci fa emozionare attraverso la magia dei sentimenti più puri e ribelli, quelli di chi si innamora per la prima volta.

Premessa: al fine di seguire lo stile adottato per la precedente recensione di “My dilemma is you” , ho deciso anche in tal caso di leggere la versione originale di Wattpad.

Recensione: Il tempo per cui mi sono assentata dal blog (causa lunga vacanza e necessaria preparazione universitaria) rende doveroso un rientro in grande stile con annessa cattiveria gratuita. Bene, iniziamo.

tumblr_o6nme0znkp1siop7no1_500
Ecco il ragazzo nella sua consueta e innocente forma.
Come si evince dalla copertina di dubbio gusto, Over appartiene alla categoria “fyccine di Wattpad” divenuta ormai famosa – e non certo per bellezza – nelle nostre librerie: dunque ciò cosa comporta? Anche in questo caso, benché nella versione cartacea appaia il nome Hunter (Cacciatore…ma sul serio?), nella versione principale presente sul mio amatissimo sito di storielle il nome del protagonista maschile è Harry Styles che, per chi non fosse particolarmente esperto, altri non è che uno dei cantanti della famosa band dei One Direction. Ovviamente il povero ragazzo in questione, per divenire ancora più appetibile di fronte al pubblico di ragazzine eccitate, viene descritto come uno spacciatore costantemente fatto come una pigna o ubriaco fradicio, nonché criminale che scazzotta in incontri di lotta e partecipa a gare di macchine clandestine. Insomma, assolutamente Out Of Character. Bello e dannato, pavimento bagnato.


tumblr_muruf8ebnm1sw3mipo1_400
Ed ecco invece un tenebroso e inquietante Harry/Hunter.
E insomma, abbiamo il classico duro col cuore tenero e dal passato tormentato e la tipica ragazza stronzetta e fredda perché lei è diversa e tanto speciale. Dunque, l’inizio della storia è così brillante ed originale che i due si conoscono grazie al comune migliore amico di entrambi, Mitchell, alla classica festicciola tra adolescente ricca di alcol e droga. Superbo cazzo! Sono proprio sicura di non aver proprio MAI letto nulla del genere negli ultimi otto anni di fanfiction!! I baldi giovini sono appena tornati in quel di Londra dopo una “sosta” a Boston a causa di certi problemini legali dovuti al loro più grande hobby: la briscola. Inutile specificare che i due geniacci, anziché redimersi con un tentativo di ritorno alla normalità, si buttano a pesce nella fossa dell’illegalità. (E che piacere sarebbe seppellirli sin da subito…)

 

Chi l’avrebbe mai detto che il Cacciatore e la nostra “Chee” inizialmente avrebbero provato disprezzo l’uno per l’altra? Io mai e poi mai, davvero. (Ma qualche personaggio simpatico che tromba subito senza troppi casini no, eh?) Ad ogni modo il loro rapporto si sviluppa grazie ad un’intensa e subitanea attrazione sessuale che li porta a consumare i preliminari in momenti inappropriati ed inaspettati: lui oscilla costantemente tra una sbronza e una dose di qualsiasi cosa, il che in effetti rende poco praticabile una relazione… soprattutto perché i due raramente si relazionano.

Rispetto all’opera sorella, alias “My dilemma is you”, le tematiche trattate sono più adulte e spinose, ma soprattutto preoccupanti dal momento che all’epoca chi scriveva era una quattordicenne. Tra i capitoli compaiono droghe ed abusi di qualsiasi genere con una facilità quasi disarmante, che lascia attonito il lettore che magari si aspettava una stupida storiella d’amore; l’illegalità viene affrontata in molti suoi aspetti con una naturalezza così superficiale che assumere così tanta droga da riscontrare un’overdose, appartenere a una sorta di band mafiosa, girare armati e rapire la gente sembra la banale quotidianità di un quasi normale londinese. E invece no. È sbagliato richiamare pubblico (che tra l’altro si aggira tra gli undici e i sedici anni) utilizzando come escamotage tematiche serie ed impegnate trattate con una frivolezza degna di nota, ed è proprio questo che rimprovero indispettita all’autrice.

tumblr_nevvkji1Rv1u37z3ho1_250.gif
Ovviamente in questo mirabolante romanzo non potevano che mancare le complicazioni inerenti all’oscuro e tenebroso passato del bad boy, il quale non poteva che avere una madre morta prematuramente, un rapporto burrascoso con un padre malato (e ormai quasi in procinto di morire) che l’ha sempre ignorato. Non resta che una cottura a 180°C per la creazione di questa deliziosa portata a base di ragazzo stereotipato e difficile!

Ad ogni modo, mi vedo costretta a spezzare una lancia a favore di “Over”: la storia è scritta abbastanza bene. Grazie a Dio in questo caso mi sono stati risparmiati una serie infinita di errori grammaticali e di battitura, motivo per cui la lettura è più facile e piacevole; certo, vi è qualche forma lessicale poco consueta, strana e forse forse inventata, eppure il livello di alfabetizzazione dell’autrice è nettamente superiore alla media di Wattpad, il che diviene un notevole punto a suo favore.

Nonostante la discreta scorrevolezza del testo, le tematiche di un certo spessore che qui acquisiscono un ruolo centrale vengono trattate in maniera scontata e infantile, caratteristica che rende la lettura più pesante e decisamente noiosa. Detto senza tanti mezzi termini: oltre alle scene un po’ più piccanti e zozze (e neanche tanto eh, grazie a Dio non si tratta di “50 Sfumature”) le righe sono pesanti come mattoni e la fine del capitolo in questione diviene una sorta di oasi nel deserto, un miraggio lontano ed irraggiungibile. Si arriva, una volta inquadrata la direzione verso la quale l’autrice intende proseguire, ad una rassegnata frustrazione dovuta alla certezza dell’esatta piega che prenderanno gli eventi. Insomma, per trarre le conclusioni finali: se potessi scegliere una parola per descrivere “Over”, utilizzerei cliché. (E noia.)

tumblr_nu38nlCXHV1uxku6jo1_250.gif

Io che mi dispero per averci azzeccato di nuovo sulla trama.


Voto finale:
1/5, ma giusto perché ha quel qualcosa in più rispetto a “My dilemma is you” (leggasi: L’ITALIANO), ma effettivamente mi sono divertita di più a leggere quest’ultimo, imprevedibile nella sua oscenità. Davvero noioso, quindi mi sembra quasi scontato – ma doveroso – sottolineare che dubito fortemente leggerò il secondo “libro”. A meno che mi venga chiesto espressamente da voi al fine di sputare altre cattiverie… per quello sono sempre pronta.